'U PPANE SOTTE 'E FASULE

Tipica colazione di metà mattinata dei falegnami ad Ischia nel centro storico, fatta su di un fornellino a spirito o su un treppiedi alimentato a fuoco di legna.

INGREDIENTI

FAGIOLI CANNELLINI SECCHI MESSI A MOLLO LA SERA PRECEDENTE

PANE RAFFERMO CASARECCIO DEI GIORNI PRECEDENTI

OLIO EXTRA

SALE

PEPE

( A PIACERE DEL PEPERONCINO)

PROCEDIMENTO

mettere sul fornellino i fagioli ammollati la sera precedente, con la loro stessa acqua dell'ammollo e farli sobollire ancora per un'ora circa. Di tanto in tanto girare e cercare di schiacciare qualche fagiolo per creare una cremina. Intanto si affetta il pane e sopra a filo ci si versa un pò d'olio. quando i fagioli sono cotti, si versano sulle fette di pane che si bagnano col brodo dei fagioli. Si spruzza sopra del pepe macinato grosso e se gradito del peperoncino e ancora un filo d'olio a crudo. Una tipica colazione degli artigiani che ormai è ricercatissima anche negli antipasti ricercati, col nome di bruschetta con i fagioli.

SPIGOLA ALL'ACQUA PAZZA

Ingredienti

  • una spigola di circa 400 gr
  •  200 gr pomodorini (piennolo)
  • mezzo bicchiere di Vino bianco
  • Olio extravergine d'oliva
  •  1 spicchio d' Aglio
  • 1 ciuffo Prezzemolo
  • a piacere peperoncino
    q.b. di Sale  

PROCEDIMENTO

  1. Pulite la spigola e squamatela. Mettete all’interno di essa un battuto fatto di zetto di aglio, sale e prezzemolo.

  2. Usate una padella per il pesce piuttosto grande, metteteci la spigola, unite lo spicchio d’aglio, il vino bianco, 3 cucchiai di olio extra, i pomodorini interi o tagliati a metà, il prezzemolo tritato, e un pochino di sale.(non molto)

  3. Aggiungete anche un bicchiere di acqua e portate a bollore.  Ora lasciate cuocere il pesce per circa 20-25 minuti a fiamma bassa coperto.  la fiamma alta potrebbe rovinare la cottura del pesce

dopo aver spento la fiamma, lasciare riposare un cinque minuti prima di servirlo

SEDANINI FAVE, CACIOTTA E PANCETTA

La tradizionale  "fave cu' 'a pancette e caciotta trasformata in un primo piatto che sta diventando un classico ischitano

ricetta:

360 g di sedanini rigati
500 g di fave da sgusciare
200 g di pancetta a dadini
1/2 cipolla
Sale q.b.
Peperoncino (facoltativo)
100 gr di pecorino romano grattugiato
una macinata di pepe fresco del Madagascar 
PROCEDIMENTO
 
In una padella con un filo d'olio far rosolare la mezza cipolla a fuoco moderato. Intanto mettere a bollire l'acqua per la pasta. Quando bolle, calare i sedanini e portarli a mezza cottura. A quel punto estrarli dall'acqua e calarli nella padella con la cipolla e risottarli. aggiungendo un pò d'acqua della pasta. Un minuto prima di spegnere la fiamma, aggiungere alla pasta la pancetta a dadini e le fave con il pecorino. rigirare ancora e impiattare aggiungendo altro pecorino e se si vuole una macinata di pepe nero. Le fave e la pancetta devono risultare  leggermente sbollentate ed ancora fresche al palato.