• CALABRIA PERIFERIA ROMANA? IL PARERE DI UN CALABRESE CHE NON SI ARRENDE MAI

    CALABRIA RIBELLARSI ALLA SOTTOMISSIONE DEI PALAZZI ROMANI, PRENDERE NOI IN MANO IL NOSTRO DESTINO!!

    LA CALABRIA È UNA COLONIA AL SERVIZIO DEL PADRONE DI TURNO. ORMAI I M5S CONTANO DALLE 12 A MEZZOGIORNO, SONO LA PRIMA FORZA NEL PARLAMENTO MA DI FATTI SONO AL SOLDO DEL PD CHE HA MORTIFICATO LE ECCELLENZE CALABRESI NOMINANDO IL LORO CAVALLO DI CALIGOLA PER LA PERIFERIA CALABRA UN CERTO MOSTARDA UOMO CHE HA GESTITO DIVINAMENTE LA SANITÀ LAZIALE. UNA REGIONE PRESA A CAXXI IN FACCIA!!

  • ANCHE MIOZZO NON VA BENE E SI RITORNA AGLI AMICI DELGI AMICI

    Non conoscevo Agostino Miozzo ma deve essere un grande! Ha detto: OK ci vado, ma facciamo come dico io.
    E il governo, di corsa, no, no, ci mandiamo un altro. E allora arriva l'uomo delle istituzioni, un prefetto. Sempre pronti. E così vissero tutti felici e contenti, forse tranne i calabresi.

  • NON È ARRIVATO IL RE DEI RE DELLA SANITÀ.

    Un uomo che per professione ha lavorato nel ministero degli interni sa benissimo cosa vuol dire la sicurezza di uno stato, ma qui abbiamo la DDA, LA DIA E LA SEDE DEI SERVIZI. Alla fine dovrà attingere sempre alla solita fragaglia di mbulicuni dello staff della sanità calabrese, non dovrà scoprire qualche latitante in qualche ospedale chiuso. La delusione più cocente per me sono i 5stelle ormai avvezzi al potere delle lobby romane e alla massoneria deviata. Qui solo noi popolo calabrese possiamo salvarci spazzando via queste consorterie politiche. VIVA LA CALABRIA LIBERA!

  • la vaccinazione deve essere obbligatoria per alvune categorie

    Il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, nel suo intervento al III Forum Sostenibilità di Fortune Italia, riportato da Adnkronos, si dice favorevole all’obbligo di somministrazione del vaccino anti Covid per alcune categorie: “Io credo che per alcune categorie debba esserci l’obbligo vaccinale, per il resto immagino che dopo quello che si è passato in tutti questi mesi la richiesta della vaccinazione sarà estremamente alta”.

  • Campania zona rossa, De Magistris ufficializza: "Ministro Speranza mi ha dato la notizia, ora subito i ristori"

    Avevo appena firmato l'ordinanza della quale tanto s'è parlato in questi giorni e sulla quale tanto abbiamo lavorato, ma prima di pubblicarla ho voluto chiamare personalmente il Ministro Speranza che mi ha poc'anzi notiziato che la Campania è zona rossa, quindi quest'ordinanza non ha più efficacia". Si esprime così tramite un video pubblicato su Facebook il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che di fatto ufficializza l'ingresso della Campania nella zona rossa d'Italia: "Ma sono fiero del lavoro svolto perché in quest'ordinanza si evidenziava in maniera netta che con i negozi aperti non potevamo meravigliarci della gente in strada e che non aveva senso chiudere determinate strade o luoghi. Auspico un maggiore controllo del territorio. Ora chiedo fortemente al governo ristori economici immediati perché non può la città pagare sulla propria pelle una zona rossa che poteva essere evitata".

  • Campania zona rossa, De Luca: "Ministro sciacallo e sindaco imbecille"

    NON SI PUO TOLLERARE DICE LELLO MONTUORI

    Ma si può continuare a tollerare questo linguaggio nei confronti di altre autorità pubbliche -ne convengo assai inadeguate- da parte di un rappresentate delle istituzioni? Fino a quando? De Luca non capisce che non è un privato cittadino o un opinionista da studio televisivo ma il vertice di un ente territoriale previsto dalla Costituzione che deve attenersi al protocollo istituzionale. Il problema è che non c’è nessuno che possa censurarlo o indurlo ad assumere atteggiamenti più istituzionali. Bisognerà pensare anche a questo nella futura legge di modifica dei rapporti tra lo Stato e le Regioni. Non si può tollerare questa deriva.

  • DI LUGLIO